mercoledì 15 gennaio 2014

labibu's book - january


nuovo anno, stessa rubrica, per una volta che riesco a mantenere un proposito o un appuntamento fisso sul mio blog! =) quindi ricominciamo il giro con il libro del mese di gennaio e vi parlo di un libro che ho letto durante le vacanze di natale. l'ho preso in biblioteca, praticamente prima che chiudesse ho fatto incetta, ne ho selezionati circa una decina da portare a casa e in montagna, per paura di rimanere senza.
penso che essere senza libri sia il modo peggiore per rovinare una giornata. 
comunque. avevo notato da tempo la copertina e il titolo, su riviste e in libreria, ma non mi ero assolutamente informata. a essere sinceri, non cerco mai notizie se mi incuriosisce un libro, me ne rendo conto adesso mentre scrivo. vabè.



inizio questa recensione stupendovi dicendo che non è un libro "mio", nel senso che non mi ha fatto impazzire. anzi. mi è piaciuto e riconosco la capacità dello scrittore, ma non è un romanzo canonico di quelli che solitamente cerco per rilassarmi o viaggiare con la fantasia. però. è quello dal cui retro copertina ho preso i miei auguri per voi per il nuovo anno.


Sofia si veste sempre di nero è la nuova prova narrativa di Paolo Cognetti, autore di Manuale per ragazze di successo e Una cosa piccola che sta per esplodere. Nei suoi racconti, cesellati con la finezza di Carver e Salinger, ha saputo rappresentare con sorprendente intensità l’universo femminile. Ed è ancora una donna la protagonista del suo nuovo libro, un romanzo composto da dieci racconti autonomi che la accompagnano lungo trent’anni di storia: dall’infanzia in una famiglia borghese apparentemente normale, ma percorsa da sotterranee tensioni, all’adolescenza tormentata da disturbi psicologici, alla liberatoria scoperta del sesso e della passione per il teatro, al momento della maturità e dei bilanci. Con la sua scrittura precisa e intensa, che nasconde dietro l’apparente semplicità una straordinaria potenza emotiva, Cognetti ci regala il ritratto di un personaggio femminile indimenticabile: una donna torbida e inquieta, capace di sopravvivere alle proprie nevrosi e di sfruttare improvvisi attimi di illuminazione fino a trovare, faticosamente, la propria strada. Un libro avvincente in cui ciascun lettore troverà momenti di bellezza e di dolore, di ansia e di riscatto, che riconoscerà di aver vissuto anche sulla sua stessa pelle.

prima di tutto non è un romanzo unico. e no, non parla di moda. sono 10 racconti, anche indipendenti, che da punti di vista differenti e in periodi diversi ci raccontano e delineano il personaggio di sofia. anzi, forse della protagonista alla fine non sappiamo moltissimo, solo che non è cresciuta nella classica famiglia da mulino bianco, che è particolarmente eccentrica e molto poco "domabile". scopriamo di più sulla mamma, artista poi ritiratasi alla vita di campagna, solitaria e lunatica. sulla zia, giornalista socialista poi rifugiatasi a parigi, ma unico sostegno di sofia. del padre, della sua amante e della sua passione per il lavoro all'alfa romeo. dei fidanzati, delle coinquiline, degli amici d'infanzia e dei colleghi.

è davvero un libro originale, strano per i miei gusti, con personaggi ben definiti e chiari. è un libro molto "metropolitano", acuto e un po' nevrotico.

poco importa che sofia si vesta sempre di nero. che da piccola adorasse giocare ai pirati. o che l'unico momento in cui si sente "a casa" è quando riempie la vasca e si concede un bagno caldo. anche se nell'appartamento di una persona che ha appena conosciuto.

che dite, vi ho incuriosito?

30 commenti:

  1. già il fatto che siano racconti indipendenti non mi piace.
    I libri devono raccontare un’ unica storia!
    Questa volta passo!


    www.vanillaandsoap.com
    newpost

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha sìsì, la storia è unica solo che raccontata da diversi punti di vista, ma anche se tu leggessi solo un capitolo / racconto, sarebbe sufficiente!

      Elimina
  2. "...che dite, vi ho incuriosito?"

    Direi proprio di si. Prima di tutto per il fatto che, pur non sentendo così "tuo" questo libro, tu sia riuscita a descriverlo in modo così efficace. Spesso se una cosa "non ci appartiene" del tutto non riusciamo a coglierne ed a descriverne così bene le diverse sfumature. Poi ad incuriosirmi è stata la struttura stessa del libro, i dieci episodi che - pur slegati nel tempo - riescono a delineare la protagonista e gli altri personaggi della sua vita.

    Ho la libreria piena di altre cose da leggere, ma metto comunque un memo su questa originale proposta.

    Buona giornata ed al prossimo libro :)
    Flavio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avevo proprio questo terrore e un po' mi ero stufata di raccontare sempre di libri che mi erano piaciuti molto, mi sono messa un po' alla prova!

      Elimina
  3. guarda ti dirò, mi hai incuriosita!!! un bacio

    RispondiElimina
  4. ti ho già detto che mi piacciono un sacco le tue recensioni?

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sembra di sì ma continua a dirmelo! *_*

      Elimina
  5. direi proprio di sì...e molto! sto trascurando tanto la lettura ma questo libro mi stimola molto!

    RispondiElimina
  6. -come al solito- mi hai messo una gran voglia di correre in libreria...
    Ultimamente ho talmente poco tempo che, appena mi rilasso, mi addormento! Spero, però, di riuscire a far volare la mia testa con qualche buona lettura.
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che ultimamente devo leggere sul divano perché appena tocco il letto crollo anche prima di aprire il libro? sono stanchissima!

      Elimina
  7. Mi è piaciuta moltissimo la tua recensione e devo dire che sono curiosa di leggerlo! Baci Elisabetta

    RispondiElimina
  8. Ti dirò, non è proprio il mio genere, già il fatto che non sia un'unico racconto mi disturba un pò (io sono per le grandi storie che ti lasciano con il fiato sospeso e non ti fanno staccare dalle pagine perchè vuoi sapere come "va a finire")...
    però sei stata bravissima a scrivere questa recensione nonostante non ti sia sentita pienamente coinvolta dal libro, sei stata molto obbiettiva ed imparziale!
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sai che forse anche a me questa cosa un po' ha disturbato, ma più di tutto mi stava antipatica la protagonista! =P

      Elimina
  9. normalmente preferisco i romanzi ai racconti, però le tue recensioni mi fanno sempre venir voglia di correre in libreria per provare cose nuove!

    RispondiElimina
  10. Sì, mi hai incuriosita, io recentemente ho letto il romanzo di Perissinotto 'Le colpe dei padri' e 'Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza', di Sepùlveda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello di sepulveda devo leggerlo, ho appena finito quella del gatto e del topo!

      Elimina
  11. Non ne avevo mai sentito parlare! Grazie per avermelo segnalato, sarà uno dei libri che potrei leggere :D

    THE ADVENTURES OF A SHOPAHOLIC

    RispondiElimina
  12. Son curiosa!!!
    bacio Giuly

    www.thefashionmamas.com

    RispondiElimina
  13. si, mi hai proprio incuriosita! Lucy www.tpinkcarpet.com

    RispondiElimina

ciao, grazie mille del commento! lasciami un tuo link così posso ricambiare la visita. La bibu

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...