lunedì 24 gennaio 2011

una ragazza da tiffany

non so voi.


ma questo è il tiffany che piace a me.
o questo.


spesso mi domando se sono nata nel secolo sbagliato. esattamente 100 anni di ritardo.
stile liberty, o belle epoque... o jugendstil... o modernismo spagnolo... o estetismo... o sembplicemente ricerca del bello. punto. dandy e mica dandy.

a natale non potevo non farmi regalare un libro bellissimo.


ambientato nella New York a cavallo tra il XX e il XXI secolo, Clara Driscoll si impone quale spalla creativa a Louis Comfort Tiffany, artista, o meglio genio incompreso, del vetro in tutte le sue forme, figlio del più famoso Charles Louis Tiffany. Un romanzo quasi storico, tra vetrate, esposizioni universali, prime fermate della metropolitana, lampade a olio e poi elettriche, il mondo delle prime donne emancipate in settori quasi completamente maschili, sindacati e artisti entusiasti della bellezza.
Clara sfrutta l'arte quale riscatto per poveri, immigrati, nascondendosi dall'amore per colpa di una severa regola di Tiffany Studios: o il matrimonio o il lavoro.
tra camicie bianche, gonne che cominciano ad accorciarsi per poter andare in bicicletta, stringate e fiocchi al collo, natura e arte si fondono, lottando con le dure leggi del mercato.

"cosa vuoi farci, si sente un padreterno in questo momento e ribolle di idee!"
"ma è così autoritario" protestò Alice.
"dispotico, vorrai dire!"
"e presuntuoso"
"da morire!"
"vanaglorioso"
"all'inverosimile!"
"esaltato"
"geniale, però"
"intelligentissimo"
"ma pieno di difetti come essere umano"
mi sarei messa a urlare, tanto mi sentivo dilaniata da due sentimenti contrapposti. infatti, a dispetto delle cose poco gentili che avevamo detto di lui, adoravo Luois Tiffany. sentivo che eravamo uniti da un ponte ideale su cui nessun altro poteva transitare, accomunati da una passione che trascendeva il contatto carnale. inoltre gli ero profondamente grata per avermi educato alla bellezza: non avrei mai potuto fare nulla contro di lui.

con questo post vi dò il benvenuto nella mia libreria. buona lettura!
La Bibu*

ps. trovate la mia prima vera recensione in blogspot qui

14 commenti:

  1. altro che cuoricini e targhette direi :D
    questo libro dev'essere interessantissimo

    RispondiElimina
  2. mi piace questa nuova rubrica, ora mi segno i tuoi consigli che sono certa mi torneranno utilissimi. io sto cercando di finire Orgoglio e pregiudizio ma sto facendo più fatica del previsto...

    RispondiElimina
  3. Ecco dove erano finite le recensioni dei libri :)
    E' bellissimo il tubino Benetton del post precedente, è *.*

    RispondiElimina
  4. questo libro mi pare molto interessante, se esiste il pollice verde per le piante, io ho il pollice "marrone" per i libri, non so come mai, ma tutti quelli che scelgo si rivelano essere delle cacche.. è meglio che me li faccia prestare e/o consigliare dagli altri, come nel tuo caso ;-)

    RispondiElimina
  5. ...si, le tue recensioni sono sempre fantastiche!
    Beh, ammetto che però amo anche l'altra Tiffany! ;)

    RispondiElimina
  6. Da brava lettrice mi hai incuriosita veramente tantissimo :)

    RispondiElimina
  7. Questo libro l'ho adorato!e mentre lo leggevo ho preso anche Louis Comfort Tiffany di Jacob Baal-Teshuva, ed. Taschen, dove ci sono delle foto stupende delle vetrate, le lampade e i vasi. Così potevo vedere quello che leggevo!
    Ciao
    June

    RispondiElimina
  8. Che bello, mi hai incuriosita, adesso voglio leggerlo anche io!
    E poi sono un'amante del liberty, sono certa che mi piacerà tantissimo!
    baci
    S

    http://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. Anch'io sono nata nel secolo sbagliato!

    RispondiElimina
  10. Comprato pochi giorni fa!
    È in coda ad altri, ma ci arriverò!

    RispondiElimina
  11. @ my: lo è!!! ^^

    @ bri: no dai non dire così... pensa che poi ti potrai gustare colin firth nei panni del vero darcy 800esco con camicia bianca bagnata!!! yum!!!

    @ ophelia: grazie ... e grazie!!! =D

    @ vale: con me stai tranquilla!!!

    @ diana: grazie d!!! bè dai da qualcuno doveva pur prendere!!!

    @ miss malboro: benvenuta!!!

    @ june: che magnifica idea!!! io andavo di google... ihihi

    @ S: allora è perfetto! approvato!

    @ cecile: povere noi!!! =P

    @ eva: hai fatto benissimo!!!

    RispondiElimina
  12. mi hai incuriosita, stasera stavo giusto compilando la mia lista mensile dei prossimi acquisti libreschi :) l'ho segnato!!!

    ale

    RispondiElimina
  13. Quella lampada è bellissima! Io ne corteggio una simile da mesi..il libro entrerà nella mia lista!

    RispondiElimina
  14. Ciao sono capitata per caso nel tuo blog propio perchè sto leggendo ora questo fantastico libro.
    Adoro Susan Vreeland e questo è un altro suo autentico capolavoro.
    Alla prossima

    RispondiElimina

ciao, grazie mille del commento! lasciami un tuo link così posso ricambiare la visita. La bibu

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...